CASTIGLIONE DELLE STIVIERE E SAN BENEDETTO PO

condividi

Incontro con i signori viaggiatori a Borgomanero Piazza ICOM alle ore 6,00 in direzione Mantova. Soste lungo il percorso. Arrivo a CASTIGLION DELLE STIVIERE situata sui colli Morenici che incorniciano il lago ed è proprio per questa sua amena collocazione ad averne fatto una meta turistica sempre più curata ed apprezzata. Incontro con la guida ed inizio della visita, la fama di Castiglion delle Stiviere è legata soprattutto alla figura di San Luigi Gonzaga, patrono mondiale della gioventù che visse in questi luoghi e alla nascita della Croce Rossa che qui potè contare sulla tenacia di un gruppo di donne le quali, dopo la tremenda Battaglia di Solferino di metà ottocento, per prime soccorsero i feriti. Oggi il centro cittadino è un bell’intreccio di chiese, piazze,e scorci pittoreschi. La chiesa principale è il Duomo, all’interno sono custodite opere interessanti come la Pala di Santa Rosalia del’artista siciliano Pietro Novelli, ma anche le testimonianze sulla storia della Croce Rossa e la vita di San Luigi.
A San Luigi Gonzaga , patrono di Castiglion delle Stiviere, è dedicata una grande basilica che si affaccia proprio su Piazza San Luigi, nell’interno è custodito il teschio del Santo, ed è tra le più importanti fra quelle fondate dai Gesuiti nel Nord d’Italia, vedremo la Pietà del Guercino e San Luigi in preghiera davanti alla Madonna del Balestra.
Infine non potremo lasciare Castiglione senza aver raggiunto Piazza Ugo Dallò, conosciuta come Piazza Colonna, qui in un angolo della piazza è esposta una grande mandibola di balena che venne donata alla cittadinanza da Carlo Brescianelli, dove in Olanda aveva fatto fortuna.
PRANZO AL RISTORANTE
Al termine visita a SAN BENEDETTO PO’ meta turistica in virtù della presenza del sontuoso complesso monastico di POLIRONE, che può essere a tutti gli effetti il cuore pulsante del paese.
Il monastero cluniacense risale al 1007 anno della sua fondazione voluta da TEDALDO DI CANOSSA, nonno della celeberrima Matilde. Centro della vita monacale e punto di riferimento per le personalità clericali, il complesso cessa la propia vita religiosa nel 1797per volere di Napoleone Bonaparte, che decide di sopprimerlo. L’intero complesso è sopravissuto alla violenza dei secoli e oggi migliaia di visitatori gli fanno visita.
Si comincia la visita guidata dai 3 chiostri: dei Secolari, San Simeone e San Benedetto. Il primo ospitava al piano terra i pellegrini, poveri e disagiati, mentre al piano rialzato venivano accolti ospiti illustri; il secondo posto era riservato per le celle dei monaci residenti, di passaggio, della cantina, della sartoria e della calzoleria. Il terzo per gli ospiti di riguardo. Sul retro della basilica si trova il chiostro di San Simeone, il cui piano superiore era un tempo occupato dall’infermeria, dalla biblioteca e dalla dimora dell’abate. Visiteremo inoltre le celle dei monaci che oggi ospitano il museo della civiltà contadina, una rassegna di oggetti di straordinaria importanza della cultura popolare padana: carri, attrezzi arnesi usati nei campi, oggetti d’uso comune impiegate nelle case, interessante anche una sezione dedicata ai burattini.
Al termine della visita rientro a Borgomanero.

 

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE E SAN BENEDETTO PO
28 Luglio 2019

€ 60 per persona
Compila i Campi e verrai ricontattato dal nostro Staff