VIGNOLA E LA ROCCA DEI BENTIVOGLIO

condividi

PROGRAMMA
Appuntamento dei partecipanti alle ore 05:00 in piazza ICOM e partenza in pullman alla volta di BAZZANO (BO). Sosta di ristoro lungo il percorso. Arrivo e visita con guida. Bazzano è dominata dall'imponente Rocca dei Bentivoglio (o Matildea). Le origini della Rocca risalgono a data incerta, ma sicuramente anteriore al Mille, l’aspetto attuale del fortilizio risale però all’epoca rinascimentale, quando Giovanni II Bentivoglio lo trasformò in “delizia” signorile destinata alle vacanze in campagna. Dell’antico nucleo oggi rimangono solo la torre sul lato sud e l’ala attigua. Al corpo trecentesco vennero aggiunte tre ali a creare un cortile interno e la facciata del castello venne ingentilita da affreschi ora non più conservati, mentre è ancora in più punti visibile la struttura muraria costituita da filari alternati di ciottoli e mattoni. Di notevole interesse risulta invece quanto rimane delle pitture parietali delle sale, in buona parte restaurate; nelle sale a piano terra si possono osservare alcuni stemmi a tempera, raffiguranti gli emblemi dei Bentivoglio e della celebre dinastia milanese degli Sforza (l’onda bianca e azzurra e il drago con un uomo in bocca), che ricordano il matrimonio di Giovanni Bentivoglio con Ginevra Sforza. La Sala dei Giganti, presenta una partitura architettonica di colonne, entro le quali sono inquadrati paesaggi e grandi figure di armati con gli stemmi dipinti sugli scudi. L’adiacente Sala del Camino, ha invece una decorazione che crea un effetto “a tappezzeria” con i motivi che continuano anche a cavallo degli spigoli senza interruzione. La stessa decorazione è ripresa nella successiva Sala del Pozzo Casini, dove però le pareti sono state quasi completamente ridipinte dai restauratori intervenuti nella Rocca negli anni '30 del nostro secolo. Procedendo sul ballatoio esterno, si accede alle due ultime sale dipinte: la Sala dei Ghepardi e la Sala delle Ghirlande. Nella Sala delle Ghirlande, le pareti presentano lo stemma dei Bentivoglio inquartato con quello primitivo degli Sforza, entro losanghe di rami di ginepro intrecciati. Oggi gli ambienti della Rocca ospitano il locale Centro Musica (ovvero la Mediateca Intercomunale) ed è sede della Fondazione Rocca dei Bentivoglio. Trasferimento a VIGNOLA. PRANZO AL RISTORANTE. Visita con guida: la Rocca, forse per tutti i Vignolesi il simbolo più importante ed amato di identità geografica e culturale. È strutturata su cinque piani: nei sotterranei trovano sede due splendide sale, chiamate Contrari e Grassoni, utilizzate per convegni e concerti; il piano terra è costituito dalle sale di rappresentanza dette dei Leoni e dei Leopardi, delle Colombe e degli Anelli; al primo piano sono collocate le stanze nobili: delle Dame, del Padiglione, degli Stemmi, dei Tronchi d'Albero, lo Studio di Uguccione e la Cappella, affrescata con preziosi cicli di pitture tardogotiche del "Maestro di Vignola". L'ultimo piano è occupato dai camminamenti di ronda che percorrono circolarmente l'edificio collegando tra loro le tre torri: di Nonantola, delle Donne e del Pennello. Nel Palazzo Barozzi, nell’ala sinistra,  è situata la meravigliosa scala a chiocciola, una spirale armoniosa di una bellezza sorprendente sia per l’architettura che per le decorazioni. Tempo a disposizione per prendere parte alle manifestazioni de LA FESTA DEI CILIEGI IN FIORE. Lo spettacolo della fioritura dei ciliegi nella valle del Panaro ha da sempre attirato a Vignola frotte di visitatori, lieti di trascorrere anche un solo pomeriggio festoso nel tepore primaverile che ammanta di bianco i ciliegi. La prima festa ufficiale si svolse nel 1970 quando venne accolta la proposta di dar vita in aprile a una domenica di festa per celebrare l’inimitabile spettacolo dei ciliegi in fiore e attirare nella ridente cittadina un maggior numero di turisti di ogni età. Nel corso degli anni, l’evento saliente della manifestazione è diventata la Sfilata dei Carri Fioriti e dei Gruppi Bandistici con Majorettes. Per completare la ricchissima proposta della festa, come di consueto, ci saranno: raduno moto fioritura, giochi intelligenti (giochi in legno anche storici), banchi alimentari, mercatino antiquariato, arte ed ingegno, la fiera mercato (esposizione in stand di prodotti artigianali, industriali ed alimentari), manifestazione fieristica ambulanti con prodotti gastronomici tipici regionali ed artigianali. Alle ore 19:00 inizio del viaggio di ritorno. Sosta per la cena libera. Arrivo. 

PROGRAMMA

Appuntamento dei partecipanti alle ore 05:00 in piazza ICOM e partenza in pullman alla volta di BAZZANO (BO). Sosta di ristoro lungo il percorso. Arrivo e visita con guida. Bazzano è dominata dall'imponente Rocca dei Bentivoglio (o Matildea). Le origini della Rocca risalgono a data incerta, ma sicuramente anteriore al Mille, l’aspetto attuale del fortilizio risale però all’epoca rinascimentale, quando Giovanni II Bentivoglio lo trasformò in “delizia” signorile destinata alle vacanze in campagna. Dell’antico nucleo oggi rimangono solo la torre sul lato sud e l’ala attigua. Al corpo trecentesco vennero aggiunte tre ali a creare un cortile interno e la facciata del castello venne ingentilita da affreschi ora non più conservati, mentre è ancora in più punti visibile la struttura muraria costituita da filari alternati di ciottoli e mattoni. Di notevole interesse risulta invece quanto rimane delle pitture parietali delle sale, in buona parte restaurate; nelle sale a piano terra si possono osservare alcuni stemmi a tempera, raffiguranti gli emblemi dei Bentivoglio e della celebre dinastia milanese degli Sforza (l’onda bianca e azzurra e il drago con un uomo in bocca), che ricordano il matrimonio di Giovanni Bentivoglio con Ginevra Sforza. La Sala dei Giganti, presenta una partitura architettonica di colonne, entro le quali sono inquadrati paesaggi e grandi figure di armati con gli stemmi dipinti sugli scudi. L’adiacente Sala del Camino, ha invece una decorazione che crea un effetto “a tappezzeria” con i motivi che continuano anche a cavallo degli spigoli senza interruzione. La stessa decorazione è ripresa nella successiva Sala del Pozzo Casini, dove però le pareti sono state quasi completamente ridipinte dai restauratori intervenuti nella Rocca negli anni '30 del nostro secolo. Procedendo sul ballatoio esterno, si accede alle due ultime sale dipinte: la Sala dei Ghepardi e la Sala delle Ghirlande. Nella Sala delle Ghirlande, le pareti presentano lo stemma dei Bentivoglio inquartato con quello primitivo degli Sforza, entro losanghe di rami di ginepro intrecciati. Oggi gli ambienti della Rocca ospitano il locale Centro Musica (ovvero la Mediateca Intercomunale) ed è sede della Fondazione Rocca dei Bentivoglio. Trasferimento a VIGNOLA. PRANZO AL RISTORANTE. Visita con guida: la Rocca, forse per tutti i Vignolesi il simbolo più importante ed amato di identità geografica e culturale. È strutturata su cinque piani: nei sotterranei trovano sede due splendide sale, chiamate Contrari e Grassoni, utilizzate per convegni e concerti; il piano terra è costituito dalle sale di rappresentanza dette dei Leoni e dei Leopardi, delle Colombe e degli Anelli; al primo piano sono collocate le stanze nobili: delle Dame, del Padiglione, degli Stemmi, dei Tronchi d'Albero, lo Studio di Uguccione e la Cappella, affrescata con preziosi cicli di pitture tardogotiche del "Maestro di Vignola". L'ultimo piano è occupato dai camminamenti di ronda che percorrono circolarmente l'edificio collegando tra loro le tre torri: di Nonantola, delle Donne e del Pennello. Nel Palazzo Barozzi, nell’ala sinistra,  è situata la meravigliosa scala a chiocciola, una spirale armoniosa di una bellezza sorprendente sia per l’architettura che per le decorazioni. Tempo a disposizione per prendere parte alle manifestazioni de LA FESTA DEI CILIEGI IN FIORE. Lo spettacolo della fioritura dei ciliegi nella valle del Panaro ha da sempre attirato a Vignola frotte di visitatori, lieti di trascorrere anche un solo pomeriggio festoso nel tepore primaverile che ammanta di bianco i ciliegi. La prima festa ufficiale si svolse nel 1970 quando venne accolta la proposta di dar vita in aprile a una domenica di festa per celebrare l’inimitabile spettacolo dei ciliegi in fiore e attirare nella ridente cittadina un maggior numero di turisti di ogni età. Nel corso degli anni, l’evento saliente della manifestazione è diventata la Sfilata dei Carri Fioriti e dei Gruppi Bandistici con Majorettes. Per completare la ricchissima proposta della festa, come di consueto, ci saranno: raduno moto fioritura, giochi intelligenti (giochi in legno anche storici), banchi alimentari, mercatino antiquariato, arte ed ingegno, la fiera mercato (esposizione in stand di prodotti artigianali, industriali ed alimentari), manifestazione fieristica ambulanti con prodotti gastronomici tipici regionali ed artigianali. Alle ore 19:00 inizio del viaggio di ritorno. Sosta per la cena libera. Arrivo. 

VIGNOLA E LA ROCCA DEI BENTIVOGLIO
07 Aprile 2019

€ 65 per persona
Compila i Campi e verrai ricontattato dal nostro Staff